Sito di Gian Paolo PORCU
che descrive alcuni casi nei Palazzi di Giustizia di Cagliari e Sassari

 

Pagine interne al caso (alcune pagine per ora non sono pronte)

1.- nota brevissima sulla solare infondatezza dell'accusa

2.- nota più dettagliata sulla difficilmente qualificabile elaborazione del pm sulla "bozza di querela"

3.- vacat

4.- L'antefatto

5.- L'imputazione formale, di sorpredente inconsistenza. Le distorsioni che troverete dimostrano che siamo tutti in grave pericolo.

6.- Le nomine dei magistrati debono essere fatte ex art.25 Costituzione, ma non lo sono, Sembra che certi fascicoli vengano assegnati o appresi come in un self service!

7.- "Nomina" del PM dr. De Angelis.

8.-Dr. Michele IACONO, quale coordinatore dell'Ufficio GIP-GUP.

9.-"Nomina" (ma chi l'ha fatta?) a GIP del dr. Leonardo BONSIGNORE.

10.-"Nomina" a GUP (ma chi l'ha fatta?), della dr.ssa Ermengarda FERRARESE.

11.-Conduzione dell'udienza preliminare da parte del GUP dr.ssa FERRARESE (violatissime le norme procedurali ed i diritti dell'imputato)

12.-Designazione in capo alla 2a sezione del tribunale, presidente dr. Michele IACONO

13.-"Nomina" (non ci crederete, ce ne sono ben due!), a primo giudice del dr. Massimo PODDIGHE (vedi nota);

a) verbale "IACONO" 2.03.00

b) provvedimento PORCELLA 25.02.00

14.- "Nomina " del secondo giudice dr. Giuseppe PINTORI.

15.-Descrizione del fatto. Ingresso del pm Manganiello nella stanza del giudice.

16.- I giudici monocratici all'unanimnità negano all'imputato le copie delle sentenze, così viene violato in pieno l'art. 24 Costituzione (il dirittto alla difesa è sacro ed inviolabile!)

17.-Ricusazioni

18.- UNIONE SARDA articolo del Chi l'ha propiziato'
19.-La PRESIDENZA DEL TRIBUNALE NON E' IN GRADO

 

Le nomine dei magistrati debono essere fatte ex art.25 Costituzione, ma non lo sono, Sembra che certi fascicoli vengano assegnati o appresi come in un self service!

Nota generale sulle designazioni dei giudici.

La tanta amata Costituzione (ma ci facciano il piacere!), al'art.25 dice

Nessun può essere distolto dal giudice precostituito per legge.

Che significa?

Ricopio da I Codici ESPLICATI La Costituzione esplicata
Edizioni Giuridiche Simone VII Edizione 2008

La garanzia dell’individuazione del giudice in base a criteri predeterminati che ne assicurano l’imparzialità rispetto alla questione portata in giudizio, è stata realizzata compiutamente solo quando non si è più riconosciuta, ai capi degli uffici giudiziari, la discrezionalità nell’ assegnare gli incarichi ai singoli magistrati appartenenti all’ufficio giudiziario (individuato dalla legge). Tale discrezionalità, infatti, lasciava spazio al rischio di orientare, nel senso voluto dal capo dell’ufficio giudiziario,m l’esito di un determinato processo. Si è perciò istituito un sistema di tabelle, col quale si procede all’assegnazione degli incarichi ai magistrati dell’ufficio giudiziario in base a criteri obiettivi e predeterminati ;

Il testo poi continua riferendo di una commedia-farsa-tragedia nazionale inventata dal Potere (di cui l'impunibile casta è parte attiva), che serve per neutralizzare e ridilicozzare la tanto amata Costitituzione.

Oserebbe affermare, il Potere (casta inclusa, che spesso nelle sua comparsate fa l'addolorata e l'affranta perchè non riesce a a fare giustizia nonostante il sangue versato quotidianamente, ma a turni bisettimanali per i ogni pm e settimanali per ogni giudice. Si chiama sistema tabellare), che la parte, cioè il cittadino coivolto, non ha strumento per controllare la nomina del giudice. Poi, per non lasciare un evidente vuoto,il Potere (di cui la casta fa parte) ci dice: state tranquilli vigiliamo noi.

Per me è come nominare Dracula presidente dell'Avis.

Ma non si vergogna nessuno? Potrebbero dirci, Lor Signori (ma non ce lo diranno mai), com'è che un giudice ha interesse (strumenti per tutelarlo)m a trattare un determinato processo?

gpp

| Gian Paolo Porcu tf 070/66.47.13 fax 070/66.39.55 posta@gianpaoloporcu.it |